"io sono qui per continuare ad imparare"

Una frase, un ringraziamento, un pensiero, una poesia, una nota citazione, una preghiera, una testimonianza che trattano i temi fondamentali della vita (che chiamerò "riflessioni") possono, qualche volta, tracciare un solco positivo nel cuore e in alcuni casi diventare motivo di stimolo, speranza, conforto, sostegno. Se alle mie "riflessioni" aggiungerete le vostre, condivideremo anche con altri qualche prezioso suggerimento, come meditazione sulla realtà del vivere quotidiano.


mailto:g.enrica.g@gmail.com
http://www.youtube.com/enricasignorag
http://www.facebook.com/enrica.giulio.sciandra



venerdì 14 agosto 2015

La mia mamma la diseva

La mia mamma la diseva  (foto della mia mamma) Enrica 

La mia mamma la diseva che dopo la quarantina
gh’è ón dolór noeuv ogni mattina,
ma allora dopo i sessanta
de dolór noeuv ogni mattina ghe n’è quaranta?
Adess me rendi cunt, porca paletta,
che son diventada una carretta!
E pensà che (diseven) s’eri una tosa inscì bella, bonna e brava
e vosavi semper adree a la mia mamma perché
per i dolór la se lamentava.
Adess capissi cossa voeúr dì
e son sicura che la mia mamma in ciel
a l’è adree a rid de mì.
Pazienza, la vita l’è una roeuda che la gira e anca in fretta
e cara grazia che son qui ancamò a lamentamm
de vèss una caretta!
Per fortuna sont ancamò bonna de ragionà,
a part che la memoria la va spess a riposà,
ma quand vedi tutti i brutt ròbb che succeden in del mond…
gent che se mazza, gent in miseria e tanta gent malada
ringrazii tant el Signór de vèss una carretta inscì fortunada.
Giovanna Ghislandi / Milano

La mia mamma diceva che dopo la quarantina
c’è un dolore nuovo ogni mattina,
ma allora dopo i sessanta
di dolori nuovi ogni mattina ce ne sono quaranta?
Adesso mi rendo conto, porca paletta,
che sono diventata una carretta!
E pensare che (dicevano) ero una ragazza così bella, buona e brava
e sgridavo sempre la mia mamma perché
per i dolori si lamentava.
Adesso capisco cosa vuol dire
e sono sicura che la mia mamma in cielo
sta ridendo di me.
Pazienza, la vita è una ruota che gira e anche in fretta
e cara grazia che son qui ancora a lamentarmi
di essere una carretta!
Per fortuna sono ancora in grado di ragionare,
a parte che la memoria va spesso a riposare,
ma quando vedo tutte quelle brutte cose che succedono nel mondo…
gente che si ammazza, gente in miseria e tanta gente ammalata

ringrazio tanto il Signore di essere una carretta così fortunata.

Nessun commento:

Posta un commento